top of page

Impara a gestire le tue emozioni negative

Le emozioni hanno la capacità di farci volare alto, sentire leggeri, spensierati, come se il mondo girasse dalla nostra parte, altre volte ci portano negli angoli più bui della nostra mente facendoci sentire incapaci, tristi e sofferenti.



A nessuno piace stare nella sofferenza e facciamo di tutto per evitarlo, mangiamo, cerchiamo distrazioni, ci lamentiamo.


Sopprimere e respingere le emozioni negative è una risposta automatica della nostra mente per cercare di evitare di star male.


Distraendoci, cadendo nel vittimismo, sopprimendole, ecco che per un attimo va meglio, ma la prossima volta non fanno nient’altro che tornare più forti di prima.

Diventiamo rigidi, seri, con la paura di non poter superare un’altra volta un’ondata di emozioni negative.




Le emozioni negative sono un prezioso segnale

Abbiamo l’abitudine di categorizzare le abitudini in positive e negative, eppure vorrei cominciare a farti ragionare più in termini di vibrazioni alte e vibrazioni basse.


Tutto il nostro Universo è vibrazione, un costante pulsare che non riusciamo a percepire con i nostri sensi, ma che puoi percepire quando sei innamorato, felice, quando qualcuno è gentile con te, quando credi in te stesso, quando sei in profonda meditazione e tutto intorno a te comincia a vibrare alla stessa frequenza.


Le emozioni sono uno dei più grandi alleati che abbiamo per sentire cosa ci sta dicendo la nostra Voce Interiore.


Sono un prezioso segnale che ci sta dicendo di cambiare o fare attenzione a qualcosa nella nostra vita.



Da cosa sono generate le nostre emozioni Negative?

Ognuno di noi vive un determinato momento con emozioni diverse; se una persona prova libertà guardando il mare ricordandosi della gioventù a giocare con gli amici, qualcun'altro può vivere emozioni di paura o pericolo magari perché ha vissuto un’esperienza diversa con il mare.

Questo perché le nostre emozioni sono generate da:


I nostri ricordi (memoria) + Senso dell’Io (identificazione) + Sensazioni


Queste tre variabili fanno si che la nostra percezione e esperienza della realtà sia diversa.




Il momento presente

Viviamo le emozioni nel presente ma esse sono informate dal nostro passato.

La parte della mente legata ai ricordi è chiamata Chitta, è con il momento presente e la consapevolezza che possiamo riconoscere e osservare l’emozione e non essere identificati con essa.

Invece di “Io sono arrabbiato, triste, geloso.. comincio a vedere una parte di me fare esperienza di quella emozione “sento/sto facendo esperienza dell’emozione dalla rabbia” ma riconosco anche che c’è una parte di me che non è arrabbiato, triste, geloso…

Anche se consapevole dell'emozione negativa nel momento presente è comunque facile essere completamente identificato con quella sofferenza. Per fare la differenza ho bisogno di trascendere l’emozione realizzando che Io sono oltre quella emozione.


Cavalca l'onda

Il Surf è un’attività che mi ha sempre affascinato, penso sia l’esempio perfetto su come possiamo scegliere di gestire le nostre emozioni negative. Essere travolti o imparare a cavalcarle come un’onda.

Le emozioni sono energia e per questo hanno bisogno di muoversi. Analizzarle o cercare di capirle non porta nient’altro che enfatizzarle, comporta l’irrigidimento del corpo e una grande perdita di energia.

Quindi, datti il permesso di esprimerle. Se è necessario urla, piangi, lancia un cuscino (niente di pesante) oppure usa il tuo corpo, vai a correre, balla, crea qualcosa con le mani, pratica Yoga. Senza giudizio e commenti, fallo e basta, per quanto stupido ti possa sembrare in quel momento, lascia quella emozione negativa MUOVERSI e USCIRE.

Alcune ricerche hanno dimostrato che il picco massimo di un’emozione dura 90 secondi.

Tutto qua, ora dobbiamo solo imparare a surfarla.

Le tre fasi per gestire una emozione negativa

sento - accetto - lascio andare

Concretamente quando sentiamo una forte emozione arrivare, la prima cosa da fare è riconoscerla, (torniamo al Surf) sei sulla tua tavola e in lontananza vedi una potenziale nascita di un’onda.


Secondo passo è prepararmi, so che è imminente, non posso e non voglio fermarla.

Decido invece di cavalcarla e sentirla in tutta la sua forza. Entro nel corpo, sento l’emozione, in quale zona la sento? Entrare nel corpo ci permette di vivere quell’emozione negativa, il corpo non mente, invece ci permette di riconoscere cosa posso imparare da questa situazione e allo stesso tempo cosa mi sta dicendo.

Alcune onde di emozioni sono molto forti in questo caso è di aiuto il respiro, lentamente respirando dalla pancia (respiro diaframmatico) posiziono una mano sull’addome respiro con un ritmo 1:2 (inspiro:espiro) ad esempio ispirazione di 4 secondi espirazione di 8 secondi.


Fase tre, la lascio andare, lascio che l’emozione negativa si dissolva cosi come si è creata, ricorda la maggior parte delle emozioni durano solo 90 secondi!





Vivi il tuo futuro oggi

Tutti abbiamo desideri, mondani e non e per quando diversi sono importanti e preziosi per ognuno di noi.


Comincia da oggi ad ascoltare a livello emozionale e sensoriale come ti sentiresti se avessi già quello che desideri profondamente.

Quali emozioni sarebbero presenti? Felicità, gioia, libertà, amore,…


La bellezza è che quelle emozioni sono già presenti in te e le puoi evocare concentrandoti sul tuo desiderio o su un momento nella tua vita in cui ti sei sentito allineato, in completa armonia con te stesso e il mondo.

Questo non farà altro che rinforzare la tua vibrazione interiore, attraendo esattamente ciò che ti servirà per raggiungere ciò che vuoi.





Concretamente cosa puoi fare per:

Meditazione e Yoga ci aiutano ad essere più presenti e quindi riconoscere l’emozione negativa, risalendo alla fonte, alla causa primaria che ha origine nel nostro passato, per poterla finalmente sciogliere.

Smettila di torturarti cercando di analizzarle; semplifica, lascia che le tue emozioni ti guidino e onorale lasciandole libere di esprimersi, di farti aprire un nuovo capitolo della tua vita.

Praticando diventerai sempre più sensibile nell'ascolto per ricevere preziosi messaggi dalla tue emozioni, lasciando che ti guidino e soprattuto prendendo atto di cosa è necessario fare.

Attuare un cambiamento è necessario per non rimanere bloccati in un circolo vizioso che non ti fa evolvere.

Le emozioni cambiano quando siamo noi a fare un cambiamento interno ed esterno nella nostra vita.


Prendi coscienza, fidati delle tue emozioni, accoglile e agisci, lascia che siano il catalizzatore che facciano partire il tuo cambiamento.



Ascolta l’audio “Colma il tuo amore”

Ho creato questa piccola pratica da usare in ogni momento della tua vita, impara a sentire nel corpo l’emozione, impara a cavalcare l’onda.


Puoi scaricare questo audio e salvarlo per ogni volta che senti arrivare un’emozione negativa.


Se hai piacere condividi questo articolo con chi pensi possa averne bisogno,


Un abbraccio,

Daniele


Vuoi accelerare il tuo cambiamento?

Dai un’occhiata qui al mio programma di Yoga personalizzato 1:1, per prendere in mano la tua vita, riconoscere la tua forza interiore e creare il tuo futuro dal tuo presente.

















265 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


bottom of page